Carlo D’Oria e Project-To. Due interventi site-specific

Descrizione

L’edizione 2021 di Art Site Fest dedicata al tema della “Prossimità” declinato nei diversi linguaggi della contemporaneità, prosegue il dialogo con i musei d’impresa avviato nel 2018.

Con l’attenzione rispettosa del luogo, caratteristica del festival, particolare impegno è stato posto a proporre contenuti che al meglio esprimessero la vocazione aziendale.

Scoperta nel 2014 durante i lavori di realizzazione del nuovo centro direzionale del Gruppo Lavazza, l’Area Archeologica del Museo Lavazza attesta l’esistenza della basilica paleocristiana di San Secondo datata tra IV e V secolo d.C. e circondata da un consistente gruppo di sepolture tardoantiche.

Dopo il primo intervento espositivo dello scultore altoatesino Aron Demetz, realizzato nell’ambito dell’edizione 2019 di Art Site Fest, lo straordinario contesto - esempio di valorizzazione e di integrazione del passato con il presente - accoglie oggi due interventi site specific: un’installazione di Carlo D’Oria e un percorso sonoro di Project-To.

Lo scultore torinese, formatosi all’Accademia Albertina di Belle Arti, esplora in tutta la sua produzione il tema della fragile e precaria condizione umana che affronta nella polarità tra individualità e moltitudine. Nelle sue opere, forme e linee essenziali, figurazioni plastiche minimali, geometrie e ingranaggi, colori e materiali concorrono a dare vita a un universo popolato di tracce della presenza umana. 

L’universo di D’Oria è popolato di figure stilizzate ed essenziali, di corpi condotti alla loro estrema e rarefatta geometria. Il disegno, anch’esso asciugato fino a diventare una linea, fa da contrappunto alla pesantezza della materia.

Le grandi sagome realizzate dall’artista giocano tra pieno e vuoto, tra positivo e negativo, applicando la lezione della lunga tradizione della scultura, senza dimenticare la modernità e soprattutto Giacometti. Dalla modernità D’Oria trae l’uso della moltiplicazione che diventa quasi seriale. Le sue forme, infatti, proliferano fino a diventare intricate strutture, fitte arborescenze.

In questo modo la scultura può assumere una valenza installativa. 

La ricca produzione di D’Oria comprende importanti commissioni pubbliche per opere nel ruolo classico di monumenti, ma comprende anche installazioni, proposte in dimore e siti storici.

A pagamento

Condividi   

Info

Sede
Area Archeologica del Museo Lavazza
Indirizzo
Via Bologna 32/a
Comune
Torino
Provincia
TO
Telefono
011 2179621

Orario

Date
24/11/2021 - 27/02/2022
Orario

mercoledì-domenica: 10.00-18.00

chiuso lunedì e martedì

L'area archeologica è visitabile solo su prenotazione la domenica alle ore 15.00

* Per aperture e chiusure straordinarie e durante le festività contattare il museo.

Tariffe

Abbonamento Musei
€ 5,00 | compreso visita guidata

Mostre simili

Hub India è una prolifica esplorazione degli innumerevoli registri che caratterizzano l’arte contemporanea del subco...
Leggi di più...
Hub India è una prolifica esplorazione degli innumerevoli registri che caratterizzano l’arte contemporanea del subco...
Leggi di più...
Hub India è una prolifica esplorazione degli innumerevoli registri che caratterizzano l’arte contemporanea del subco...
Leggi di più...
All’interno della mostra Espressioni che caratterizza le attività del Castello di Rivoli negli anni 2021-2022, il Ca...
Leggi di più...