La Magna Charta. Guala Bicchieri e il suo lascito. L’Europa a Vercelli nel Duecento

Descrizione

La Città di Vercelli, a 800 anni dalla fondazione dell’Abbazia di Sant’Andrea, espone per la prima volta in Italia il manoscritto della Magna Charta Libertatum, nella sua redazione del 1217, che proviene dal Capitolo della Cattedrale di Hereford nel Regno Unito.

La mostra è un omaggio al Cardinale Guala Bicchieri che, con la posa della prima pietra alla data convenzionale del 19 febbraio 1219, diede avvio alla costruzione dell’abbazia, dando vita nel corso dei sette anni successivi a uno dei primi esempi di costruzione gotica in Italia.

L’allestimento scenografico nello spazio dell’Arca metterà in luce le caratteristiche e l’importanza della Magna Charta e del Cardinale Guala Bicchieri, permetterà di far conoscere la sua storia e il legame con la città di Vercelli, in un viaggio temporale attraverso il medioevo e i secoli successivi per scoprire non solo la storia del documento e dei personaggi ad esso collegati, ma soprattutto focalizzare l’attenzione sulla figura di Guala.

L’Abbazia di Sant’Andrea e la Magna Charta, unite a Vercelli, illustrano, come un prezioso dittico, la visione politica e le grandi doti diplomatiche del Cardinale che giocò un ruolo fondamentale nello scenario internazionale della sua epoca, lasciando un’importante eredità.

Accanto a questo straordinario documento, che rappresenta uno dei momenti più importanti della nostra storia, la mostra accoglie opere di eccezionale valore storico-artistico, che raccontano la sensibilità e il gusto del vercellese Guala Bicchieri: il prezioso cofano e gli smalti di Limoges da Palazzo Madama -  Museo Civico d’Arte Antica di Torino, insieme al raffinato coltello eucaristico proveniente dalle Civiche Raccolte di Arte Applicata – Castello Sforzesco di Milano.

Completano il percorso espositivo, ideato da Daniele De Luca, due ritratti del XVII e del XIX secolo, del Cardinale Guala Bicchieri, concessi in prestito dall’ASL-Ospedale di Sant’Andrea di Vercelli e un nucleo di documenti inediti: codici, carte e pergamene della Biblioteca diocesana Agnesiana di Vercelli, oltre a una pergamena e a uno dei due codici detti “dei Biscioni” della Biblioteca Civica di Vercelli.

La mostra è un'occasione straordinaria per riscoprire il patrimonio cittadino: dall’archivio fotografico del Museo Francesco Borgogna, all’esposizione delle opere del Museo Camillo Leone e del Museo del Tesoro del Duomo per arrivare ai documenti dell’Archivio di Stato, restituendo così al visitatore la complessità e la ricchezza della storia della Città di Vercelli.

In abbonamento

Condividi   

Info

Sede
Arca | Ex Chiesa di San Marco
Indirizzo
Piazza San Marco 1
Comune
Vercelli
Provincia
VC
Telefono
335 7096337 (prenotazione gruppi) | 0161 51650; 348 3272584 (attività scolastiche e didattiche)

Orario

Date
23/03/2019 - 09/06/2019
Orario

martedì-domenica: 10.00-19.00

chiuso il lunedì

* Per aperture e chiusure straordinarie e durante le festività contattare il museo.

Tariffe

Tariffa evento

intero: € 5,00

gratuito: fino a 24 anni, over 65, studenti universitari, tesserati FAI, soci Touring Club

Abbonamento Musei
ingresso libero

Mostre simili

Giorgio de Chirico. Ritorno al Futuro, Neometafisica e Arte Contemporanea è il titolo della mostra che la GAM | Gall...
Leggi di più...
La Pinacoteca Giovanni e Marella Agnelli presenta, da giovedì 4 aprile a venerdì 21 luglio, la mostra Michelangelo....
Leggi di più...
Da mercoledì 17 aprile a domenica 13 ottobre 2019, Biella e Trivero ospitano Padre e Figlio, percorso espositivo dif...
Leggi di più...
Da mercoledì 17 aprile a domenica 13 ottobre 2019, Biella e Trivero ospitano Padre e Figlio, percorso espositivo dif...
Leggi di più...