Descrizione

Luigi Mallé, il “doganiere” al confine delle arti, fondatore dell’omonimo Museo Civico a Dronero

Famiglia Mallè_senza claim

Direttore dei Musei Civici torinesi dal 1966 al 1973, Mallè ha contribuito ad affermare la Galleria d’Arte Moderna come il primo museo pubblico in Italia,  creando una  fitta rete di collegamenti tra musei in tutta Europa.

E’ stato studioso e collezionista di varie tipologie di opere, tra quadri, sculture, arredi, stampe, porcellane Meissen, vasi Gallé e fotografie d’epoca che trasferì negli anni da Torino nelle sale del palazzo di famiglia a Dronero, in val Maira.

Poco prima della morte donò tutto al comune di Dronero con la richiesta di creare un museo a suo nome. Oggi, le preziose opere sono ordinate secondo epoche storiche, dal Cinquecento al Novecento, con nuclei tematici: l’arte sacra, le scene di genere fiamminghe, ritratti e figure del mito, l’intimismo ottocentesco, le composizioni astratte.

Scopri di più

Pillola video 

Visita guidata

Al Museo Mallé tra ritratti, paesaggi ritrovati e video-animazioni

Domenica 10 ottobre ore 16.00 

Una visita guidata al museo dello storico delle arti Luigi Mallé che ha donato la casa di famiglia e la sua collezione d’arte per farne un bene di tutta la comunità.

Negli appartamenti del primo piano si potrà ammirare la collezione permanente, suddivisa per epoche storiche, dal Cinquecento al Novecento, con alcuni nuclei tematici sul ritratto e sul paesaggio, accanto a opere di scuola olandese e fiamminga del XVII secolo e di alcuni maestri del barocco piemontese. Opere che un recente e innovativo progetto di video animazione digitale permette di scoprire in una formula inedita. Sculture lignee, raffinate ceramiche Meissen, vasi liberty Gallé e Daum, fotografie storiche, stampe rococò, disegni e arredi, indicano per rapida sintesi le epoche e gli stili artistici.

Al secondo piano è visitabile la mostra temporanea Paesaggi ritrovati. Le valli Maira e Stura nelle opere di Francesco Franco e Michele Pellegrino con il ritrovamento straordinario di due cartelle d’incisioni ad acquaforte di Franco del 1975 e del 1989 e una serie di sedici immagini scattate da Pellegrino tra montagne e paesi delle valli occitane negli anni tra il 1968 e 2017. 

Ritrovo: presso il Museo Mallè, via Valmala, 9 -  Dronero (CN)

Visita guidata e ingresso al museo gratuiti

Per info e prenotazioni: Numero Verde 800 329 329 o area riservata

In abbonamento

Condividi   

Info

Sede
Museo Civico Luigi Mallè
Indirizzo
Via Valmara 9
Comune
Dronero
Provincia
CN
Telefono
800 329329

Orario

Date
10/10/2021 - 10/10/2021
Orario

domenica 10 ottobre ore 16.00

Ritrovo: presso il Museo Mallè, Via Valmala, 9 |  Dronero (CN)

Tariffe

Tariffa evento

gratuito

Attività simili

Carlo Biscaretti di Ruffia, fondatore del MAUTO.Perché un Museo dell’Automobile? Nel 1933 le auto sfrecciavano sugli...
Leggi di più...
Maria Adriana Prolo, fondatrice del Museo Nazionale del Cinema.Maria Adriana Prolo, appassionata collezionista e pro...
Leggi di più...
Con Lady Yang alla scoperta della figura femminile nelle collezioni del MAO.“Capelli a nube, viso di fiore, d’oro i...
Leggi di più...
Auguste Burdin, primo ideatore del Museo della FruttaConoscere le specie e distinguere la varietà dei frutti. Fare c...
Leggi di più...