Oltre il giardino. L’abbecedario di Paolo Pejrone

Descrizione

Oltre il Giardino. L’abbecedario di Paolo Pejrone è una mostra che segue il corso delle stagioni, che accompagna il trascorrere del tempo, che muta prospettive, colori, luci e ombre, come un giardino. Il progetto espositivo, distribuito nelle sale storiche del Castello e nei sei ettari del Parco all’inglese che lo circondano, è stato immaginato come un cammino ideale lungo un anno, fino al 26 giugno 2022, dove le opere in mostra cambiano con il variare delle stagioni.

Nella sua inedita vesta invernale, le nuove opere, provenienti per la maggior parte da collezioni private, di Lucio Fontana, Piero Gilardi, Giovanni Frangi, Francesco Menzio, Arrigo Lora Totino, Gilberto Zorio, la scultura di Umberto Baglioni, l’installazione site specific creata da Paola Anziché, il manifesto per le celebrazioni del primo Giorno della Terra firmato da uno dei padri spirituali della Pop Art Robert Rauschenberg, ma anche gli erbari di Giuseppe Penone e Mario Merz e gli oggetti, come il libro d’artista “116 Particolari visibili e misurabili di Infinito” di Giovanni Anselmo, costruiscono un dialogo immaginario con le parole dell’architetto Paolo Pejrone intessendo riferimenti e suggestioni e suggerendo letture e possibili interpretazioni del percorso di visita per costruire un cammino, oltre il giardino.

La mostra, realizzata dalla Fondazione Cosso al Castello di Miradolo a San Secondo di Pinerolo (TO), a cura di Paola Eynard e Roberto Galimberti, si sviluppa attorno al concetto di abbecedario: un “ABC” del giardino, in rigoroso dis-ordine alfabetico, secondo le parole e i pensieri di Paolo Pejrone, ma soprattutto una riflessione profonda e intima su temi come la luce, l’ambiente, la calma, i dubbi, le speranze, le sfide che il mondo contemporaneo offre al rapporto tra uomo e ambiente.

I lavori di Robert Rauschenberg, come un giardino, hanno una forte unicità determinata dal modo in cui l’artista sceglie e accosta gli elementi in composizioni libere, in cui le imperfezioni del processo serigrafico distinguono il suo lavoro dalla più fredda Pop Art. Negli anni ‘70 con questa tecnica, l’artista realizza il poster per le celebrazioni della Prima Giornata Mondiale della Terra Earth Day 22 April (Anni ‘70) per sensibilizzare l’opinione pubblica sulle emergenze ambientali. Arrigo Lora Totino, uno degli interpreti più rappresentativi del movimento internazionale di Poesia Concreta, spazia tra gli strumenti della tipografia e del collage, utilizzando espedienti quali la ripetizione, la sovrapposizione e il rovesciamento di parole e frasi: in Foglia (Anni ’80) inquadra le parole “foglio” (il luogo del disegno) e “foglia” (una delle forme del giardino) in una simmetrica struttura visiva. Parallelamente il libro di Giovanni Anselmo 116 Particolari visibili e misurabili di infinito (1975) sembra evocare una traccia, visibile e misurabile appunto, di un pensiero destinato a restare incompleto o parziale non in sé, ma nella prospettiva soggettiva da cui lo osserviamo: come il progetto di un giardino, visibile nella sua varietà, misurabile nella sua estensione ma inafferrabile nella sua prospettiva temporale. Il libretto di Lucio Fontana Concetto Spaziale (1966) sembra richiamare l’oro di Venezia, la ricchezza della Serenissima che si affaccia e si apre all’Asia ma, soprattutto, un orizzonte che si compie al di là del mare, al di là dello sguardo stesso: un Oriente che è lontananza, immaginazione, che è possibilità d’altrove, nello spazio e nel tempo. L’Oriente racchiuso in un fiore che proviene dalla Cina è il soggetto dell’opera di Andy Warhol Senza titolo (Anni ’70). Con Urpflanze (2020) Giovanni Frangi affronta il tema che fu la magnifica ossessione di Claude Monet: le ninfee. La Urpflanze è la pianta originaria, primordiale, ma per l’artista non rappresenta un’indagine sul soggetto, ma sulla pittura che qui sceglie il velluto come supporto, come luogo in cui posarsi nel suo effimero permanere. La scultura sospesa Verticale (2021), creata appositamente per il Castello di Miradolo da Paola Anziché, è una sapiente lavorazione a intrecci concentrici, frutto di una attenta e meditata tecnica di intreccio che nasce dalla cura per i materiali impiegati (lana, cotone e seta) e da una conoscenza profonda, lentamente maturata, delle loro caratteristiche: l’artista descrive il suo lavoro come “pensare con le mani”, ideale rimando alla cura per il giardino. Anche Giorgio Griffa ha dedicato a una sala del Castello un’installazione inedita ispirata a Venti Frammenti (1980) sul tema della conoscenza e della frammentarietà del sapere fatta di piccoli frammenti irregolari di stoffa, tratti e segni di una partitura sospesi come una costellazione o come le foglie che entrano dalla finestra che si affaccia sul giardino.  

Tra le opere in mostra, infine, anche un confronto tra Erbari: due serie di opere su carta realizzate entrambe nel 1989 da due protagonisti dell’Arte Povera: Mario Merz e Giuseppe Penone. Nelle 14 tavole che compongono il ciclo “Da un erbario raccolto nel 1979 in Woga-Woga, Australia” Merz accosta a diversi esemplari di foglie di piante fermate sul cartoncino con adesivi a vista, la numerazione tipica della successione di Fibonacci. Le “Trentatré erbe” di Penone sono invece il risultato di un’azione di frottage. Sono calchi di erbe reali sulle quali ha agito la mano dell’artista che raccontano, in ogni tavola, una riflessione profonda sul rapporto uomo-natura: l’impressione delle erbe dialoga autenticamente con la parola che si trasforma in riflessione, tracciata sulla struttura vegetale.

L’esposizione è completata da un'installazione sonora appositamente dedicata, a cura del progetto artistico Avant-dernière pensée, articolata attorno a tre nuclei essenziali. Il primo, al piano terra, si concentra sulla musica di Gioachino Rossini proponendo un’architettura sonora nello spazio dell’opera giovanile del compositore 6 Sonate a quattro. Nelle sale del primo piano l’installazione sonora presenta una reinterpretazione della Sesta Sinfonia, “La Pastorale”, di Ludwig van Beethoven. Infine, dedicata all’opera Venti frammenti di Giorgio Griffa, un’inedita riscrittura di Apartment House 1776 di John Cage, nella versione per quartetto d’archi.      

In abbonamento

Condividi   

Info

Sede
Castello di Miradolo
Indirizzo
Via Cardonata 2
Comune
San Secondo di Pinerolo
Provincia
TO
Telefono
0121 502761

Orario

Date
15/05/2021 - 26/06/2022
Orario

venerdì, sabato, domenica e lunedì: 10.00-19.00

ultimo ingresso 17.00

* Per aperture e chiusure straordinarie e durante le festività contattare il museo.

Tariffe

Abbonamento Musei
ingresso libero

Mostre simili

La GAM di Torino ospita quest’anno la 66ª edizione di World Press Photo Exhibition, organizzata per il sesto anno co...
Leggi di più...
Sergio Ragalzi presenta dodici dipinti di grandi dimensioni, nati nel 1985 a seguito di un libro sulla bomba atomica...
Leggi di più...
Lucia Nazzaro presenta un ciclo di opere realizzate nel 2021/2022, tavole 120x120 cm in cui l’artista per la prima v...
Leggi di più...
La mostra, evento conclusivo del progetto di ricerca sviluppato nell’arco del 2021 nell’ambito di Dante 700 Unito, s...
Leggi di più...