Patrizio di Massimo, The Escalator Cycle | Espressioni

Descrizione

Il Castello di Rivoli Museo d’Arte Contemporanea in collaborazione con la Città di Rivoli svela un nuovo progetto di Patrizio Di Massimo (Jesi, 1983) che fa parte del nuovo programma di commissioni site-specific per lo spazio pubblico della risalita meccanizzata, impianto inizialmente progettato per collegare il centro storico della città al piazzale del Castello. Chiuso dal 2011, il percorso è stato riqualificato e reso accessibile in aree specifiche così da essere fruibile dalla comunità e diventare uno spazio espositivo senza precedenti, atto ad ospitare nuove opere d’arte contemporanea, appositamente commissionate dal Castello di Rivoli e visitabili durante gli orari di apertura del Museo. Il primo progetto è a cura di Stella Bottai.

Giovedì 24 giugno alle ore 16:00 nel Teatro del Museo è organizzato un incontro con l’artista in conversazione con Leonardo Caffo, filosofo in residenza al Castello.

Ideato da Patrizio Di Massimo appositamente per gli spazi della risalita meccanizzata di Rivoli e le quattro stazioni che la connotano, Il ciclo de La Risalita (2020) è stato realizzato con la preziosa e laboriosa tecnica dell’olio su tela, ispirandosi alla tradizione dei grandi cicli pittorici. Articolato in quattro monumentali polittici, per un totale di 17 tele, esso è stato prodotto dall’artista con la collaborazione di Sara Bertin, Carola Blanco, Francesco Rocco Caputo, Francesco Isgrò, Khatereh Safajoo, Matilde Martinez, Giulia Polla, Sara Pirozza, Teresa Verrascina, studenti di Scenografia dell’Accademia Albertina di Belle Arti di Torino. A seguito di una serie di laboratori ospitati da Combo a Torino.  proprio come in un’antica bottega d’artista, Di Massimo ha coinvolto gli studenti in tutte le fasi della produzione, insegnando loro il proprio metodo a partire dalla fotografia dei personaggi e la composizione dei bozzetti, fino alla realizzazione pittorica vera e propria.

In anni recenti, la pratica artistica di Di Massimo si è  concentrata sul rapporto tra tecnica pittorica e i soggetti. Interrogandosi sull’idea del ritratto come veicolo di espressione e rappresentazione di precisi stati d’animo, l’artista ha  incluso riferimenti alla storia della pittura e all’arte del Novecento – tra questi, Giorgio de Chirico, Otto Dix e il movimento tedesco della Nuova Oggettività. Talvolta incentrati su un unico soggetto, più spesso raffiguranti individui che interagiscono tra loro, molti dipinti di Di Massimo raffigurano personaggi al culmine di una metamorfosi emotiva che li ha trasformati in espressioni estreme di sé, articolando rapporti paradossali tra identità individuali e collettive. Fino ad oggi, Di Massimo ha ritratto dal vivo esclusivamente chi gli è vicino, come i propri familiari e gli amici.

Scopri di più

In abbonamento

Condividi   

Info

Sede
Castello di Rivoli
Indirizzo
Piazza Mafalda di Savoia
Comune
Rivoli
Provincia
TO
Telefono
011 9565222

Orario

Date
20/06/2021 - 26/09/2021
Orario

giovedì-domenica: 11.00-19.00

* Per aperture e chiusure straordinarie e durante le festività contattare il museo.

Tariffe

Abbonamento Musei
ingresso libero

Mostre simili