Sanya Kantarovsky. Letdown

Descrizione

La Fondazione Sandretto Re Rebaudengo, dal 3 novembre al 25 febbraio 2018, presenta Letdown, mostra personale di Sanya Kantarovsky. L'artista, nato a Mosca nel 1982 ed emigrato negli Stati Uniti all'età di dieci anni, ricostruisce attraverso i suoi dipinti universi memori della tarda Unione Sovietica. Una solitudine silenziosa e malinconica pervade le tele dove i personaggi si stagliano affaticati e inquieti, delineati con tratti da cartoon. A volte i quadri di Kantarovsky seguono riferimenti narrativi diretti, come nel caso del ciclo dedicato a Il Maestro e Margherita di Michail Bulgakov; in altri casi elementi e sfumature proprie di autori come Franz Kafka e Daniil Kharms sono indirettamente evocati. La pratica di Kantarovsky attraversa il medium pittorico per ripensare il dispositivo stesso di display: le tele diventano quindi frammenti di storie, connesse attraverso allestimenti che fungono da scenografia narrativa.

Con la mostra Letdown presso la Fondazione Sandretto Re Rebaudengo prosegue la ricerca dell'artista sull'impatto psicologico che l'architettura esercita sull'esperienza individuale e sull'interazione sociale. Descritta da Kantarovsky come “indagine sulla connessione e sull'isolamento creato dall'architettura”, questa direzione ispira in particolare un nuovo ciclo di dipinti che ritraggono i soggetti dell'artista in spazi interni o incorniciati da architetture opprimenti.

Kantarovsky contrappone la sua esperienza di vita sotto il comunismo negli anni di declino dell'Unione Sovietica con quella nel mondo occidentale. Utilizzando l'architettura come metafora e dispositivo d'inquadratura, la mostra mette queste due ideologie in netto contrasto. L'architettura della Fondazione, progettata da Claudio Silvestrin, ospita una raffigurazione su scala murale di una Khrushchyovka, complesso residenziale caratteristico del paesaggio urbano russo. L'edificio deve il suo nome a Nikita Khrushchev, il leader sovietico che negli anni Sessanta commissionò la sua ideazione come soluzione temporanea per affrontare la carenza di abitazioni. Le Khrushchyovka, costruite sbrigativamente con volumi prefabbricati in calcestruzzo, avrebbero dovuto fornire un riparo per poi esser demolite dopo due decadi; dopo sessant'anni molti di questi edifici sono ancora in piedi. A fare da contraltare agli scenari decadenti ritratti su superfici bidimensionali, si situa un nucleo di sculture metalliche. Le strutture a forma di tartaruga simulano giochi per bambini ospitati nei parchi pubblici, inermi e abbandonati all'incuria della storia.

Letdown propone una riflessione sull'architettura intesa come agente primario nella vita umana, come ente di influenza e coercizione. I dipinti di Kantarovsky riverberano le implicazioni di questa stretta relazione, inserendosi in un allestimento che sfrutta e connette dimensioni e volumi per analizzare lo spazio emotivo dell'individuo e, di riflesso, del visitatore. 

In abbonamento

Condividi   

Info

Sede
Fondazione Sandretto Re Rebaudengo
Indirizzo
Via Modane 16
Comune
Torino
Provincia
TO
Sito web
Telefono
011 3797600

Orario

Date
03/11/2017 - 25/02/2018
Orario

giovedì: 20.00-23.00

venerdì-domenica: 12.00-19.00

* Per aperture e chiusure straordinarie e durante le festività contattare il museo.

Tariffe

Tariffa evento

intero: € 5,00

ridotto: € 3,00

Abbonamento Musei
ingresso libero

Mostre simili

La GAM di Torino inaugura la nuova stagione espositiva proponendo il secondo appuntamento della serie Archivi, avvia...
Leggi di più...
Dopo il grande successo delle mostre dedicate a Tamara de Lempicka, a Matisse e a Toulouse-Lautrec, Arthemisia propo...
Leggi di più...
La mostra dedicata a Giacomo Grosso è il secondo appuntamento del ciclo I Maestri dell’Accademia Albertina, promosso...
Leggi di più...
La Fondazione Merz presenta la mostra personale dell’artista cubano Carlos Garaicoa El Palacio de las Tres Historias...
Leggi di più...