CASTELLO DI RIVOLI - MUSEO D'ARTE CONTEMPORANEA

Le informazioni sono in costante aggiornamento, per maggiori dettagli contattare il museo

Descrizione

Il Castello di Rivoli di proprietà dei Vescovi di Torino entra a far parte dei domini sabaudi nel 1247, a partire dall’inizio del ‘600 sarà al centro di un grande cantiere diretto dai Castellamonte, l’antico maniero diventa così una residenza di loisirs, dopo essere stato incendiato nel 1693 dall’esercito francese, della decorazione di quegli anni rimane una sola sala, chiamata di Amedeo VIII, affrescata da Isidoro Bianchi e la sua équipe.  Filippo Juvarra idea nel 1718 per Vittorio Amedeo II  un grandioso progetto mai terminato.  A fine secolo viene destinato ai Duchi d’Aosta, a cui si deve l’elegante decorazione del secondo piano in linea con le tendenze già neoclassiche che si sviluppano in Inghilterra. Nel 1883 il castello è stato venduto alla Città di Rivoli, ed è stato usato come caserma sino alla fine della seconda guerra mondiale. Sino al 1979 il Castello lasciato in uno stato d’incuria e di abbandoni, mentre la Manica Lunga ha ospitato sfollati e esercizi commerciali. Dopo una importante campagna di restauro, condotta dall’architetto Andrea Bruno  nel 1984 è divenuto sede del Museo d'Arte. Dal 1997 è inserito insieme alle altre residenze reali nella Lista del Patrimonio Mondiale Unesco.  Da quel momento in poi il Museo ha realizzato numerose rassegne d’arte contemporanea, sia come proprie produzioni sia in collaborazione con istituzioni culturali internazionali e con i più importanti musei.

Oggi il Castello di Rivoli è conosciuto in Italia e all’estero come uno dei più qualificati punti di riferimento per l’arte contemporanea. Ospita il primo Museo italiano dedicato alla Pubblicità. La collezione permanente del Castello di Rivoli è costantemente arricchita grazie a nuove acquisizioni, donazioni e prestiti a lungo termine.

La raccolta documenta i momenti cruciali dello sviluppo dell’arte contemporanea in Italia e all’estero dagli anni Sessanta ad oggi. Il Castello di Rivoli Museo d’Arte Contemporanea segue i movimenti internazionali e radicali dell’arte in un dialogo costante tra la storia e l’attualità, centro vitale di sperimentazione favorisce, attraverso l’attività, la diffusione delle opere di giovani artisti italiani e internazionali. 

Il restauro della Manica Lunga, conclusosi nel 2000 con l’inaugurazione della sala espositiva al terzo piano, è stato seguito dall’architetto Andrea Bruno, che ha posto in esterno le scale e l’ascensore, realizzati con materiali trasparenti per dare la possibilità di osservare meglio la struttura, lunga 147 metri e larga 6.

Il castello è sede di mostre temporanee, eventi e attività culturali; con la biblioteca specializzata, gli archivi e il centro multimediale opera anche come polo imprescindibile di ricerca sul territorio.

In abbonamento

Vota il museo

CASTELLO DI RIVOLI - MUSEO D'ARTE CONTEMPORANEA
CASTELLO DI RIVOLI - MUSEO D'ARTE CONTEMPORANEA
  • Attualmente 4 su 5 Stelle.
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
Votazione: 3.8/5 (27 somma dei voti)

Grazie per il tuo voto!

Hai già votato per questa pagina, puoi votarla solo una volta!

Il tuo voto è cambiato, grazie mille!

Info

Indirizzo
Piazza Mafalda di Savoia
Comune
RIVOLI
Provincia
TO
Telefono
011 9565222

Orario

Orario

DAL 20 MAGGIO 2020

giovedì: 10.00-17.00

venerdì, sabato e domenica: 10.00-19.00

* Per aperture e chiusure straordinarie e durante le festività contattare il museo.

Info biglietterie e prenotazioni

Modalità di accesso

prenotazione facoltativa online per l'ingresso

Accessibilità

Museo accessibile a persone con disabilità

Tariffa d’ingresso dedicata ai disabili

Museo raggiungibile con mezzi pubblici

Presenza di fermate accessibili dei mezzi pubblici nei pressi del museo

Presenza degli stalli per il parcheggio delle persone con disabilità

Museo accessibile al disabile motorio

Presenza di un ingresso alternativo per i disabili

Ingresso per i disabili dotato di campanello

Percorsi museali dedicati

LEGGI INFO

Il museo si sviluppa al piano terreno, al primo, secondo e terzo piano. L’intero percorso espositivo non presenta ostacoli per la mobilità. Sono organizzati periodicamente percorsi sperimentali di visita guidata e laboratorio rivolti alle differenti disabilità. Nell'ambito del progetto per l'accessibilità dell'arte contemporanea alle persone sorde, è stato pubblicato il primo Dizionario di Arte Contemporanea in Lingua dei Segni Italiana. Per informazioni Dipartimento Educazione Tel. 011 9565213.

Museo dotato di ascensore

Ascensore dotato di pulsantiera in Braille

Ascensore dotato di annuncio vocale del piano

Museo dotato di uscite di sicurezza utilizzabili dai disabili motori

Impianti visivi o acustici per la comunicazione di informazioni in situazioni di pericolo

Servizi del museo

LEGGI INFO

Biglietteria, bookshop e caffetteria sono accessibili. È possibile prenotare percorsi di visita dedicati alle persone con disabilità sensoriali contattando il Dipartimento Educazione 011.9565213, educa@castellodirivoli.org

Servizi igienici dedicati per le persone con disabilità

Audioguide o supporti alla visita appositamente pensati per persone con disabilità

Legenda

  • si
  • no
  • in parte
  • non specificato
  • leggi info

Musei della stessa provincia

Fotogallery

Musei simili

La più antica fabbrica di ceramiche di Castellamonte è oggi visitabile e ospita tre filiere produttive: la linea del...
Leggi di più...
L’antico monastero di Santa Chiara in Piazza Ottinetti ospita il Museo Civico “Pier Alessandro Garda”, con le sue pr...
Leggi di più...
Il Museo Ettore Fico si trova in via Cigna 114, in una zona urbana denominata Spina 4, attualmente al centro di un v...
Leggi di più...
Il Museo d’Arte Contemporanea Internazionale Senza Tendenze nasce da un’idea dell’artista Omar Ronda, dalla sensibil...
Leggi di più...

Nei dintorni