CASTELLO DI ROCCA DE' BALDI

Le informazioni sono in costante aggiornamento. Per verificare orari e modalità di prenotazione degli ingressi contattare il museo.

Descrizione

Il Castello di Rocca de' Baldi fu creato con carattere prettamente difensivo, ma si trasformò nel corso dei secoli in residenza nobiliare della famiglia Morozzo della Rocca, investita del Marchesato di Rocca nel 1675. Il Castello, che oggi si presenta di colore rosso scuro, era in origine di stucco bianco con decori neri come tutti gli edifici della famiglia Morozzo, e come ancora oggi si presenta l'adiacente Badia, rimasta di proprietà della famiglia. Negli anni successivi l'edificio fu dimora di alcune famiglie borghesi per poi diventare, agli inizi del '900, sede della “Colonia Agricola Orfani di Guerra” che dal 1923 al 1973 ospitò, educò e preparò alla vita ed al lavoro le centinaia di ragazzi che negli anni vi furono accolti.

Al primo piano del Castello sono visitabili le stanze abitate per due secoli dai Morozzo, dove è stato di recente allestito uno specifico percorso espositivo con pannelli dedicati ad alcuni esponenti della famiglia e alle loro storie di vita pubblica e privata.

Al secondo piano, invece, è visitabile il Museo Etnografico Provinciale “Augusto Doro”, dove trova allestimento una tra le più importanti ed interessanti sezioni museali multimediali sull'etnografia rurale e sul paesaggio agricolo cuneese. Antiche mappe e carte topografiche, attrezzi e fotografie attinenti la vita contadina dei secoli scorsi, illustrano le grandi trasformazioni dell'ambiente e la nascita del paesaggio rurale odierno, tutti gli aspetti della coltivazione dei cereali, dall'aratura alla conservazione, e il loro rapporto con il territorio e la storia economica, sociale e culturale della nostra regione, in un percorso multimediale supportato da suggestivi mezzi di comunicazione visiva.

Il Parco del Castello vanta la  presenza di tre straordinari e antichissimi esemplari di Sophora japonica e 130 piante di antiche varietà di frutti.
La visita al Castello e al Museo è accompagnata da guide turistiche della Provincia di Cuneo, dura circa 1 ora e 15 minuti ed è inclusa nel prezzo del biglietto.

In sconto

Vota il museo

CASTELLO DI ROCCA DE' BALDI
CASTELLO DI ROCCA DE' BALDI
  • Attualmente 1.5 su 5 Stelle.
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
Votazione: 1.7/5 (3 somma dei voti)

Grazie per il tuo voto!

Hai già votato per questa pagina, puoi votarla solo una volta!

Il tuo voto è cambiato, grazie mille!

Info

Indirizzo
Piazza Pio VII
Comune
ROCCA DE' BALDI
Provincia
CN
Telefono
0174 587605

Accessibilità

Museo accessibile a persone con disabilità

Tariffa d’ingresso dedicata ai disabili

Museo raggiungibile con mezzi pubblici

Presenza di fermate accessibili dei mezzi pubblici nei pressi del museo

Presenza degli stalli per il parcheggio delle persone con disabilità

Museo accessibile al disabile motorio

Presenza di un ingresso alternativo per i disabili

Ingresso per i disabili dotato di campanello

Percorsi museali dedicati

LEGGI INFO

Museo dotato di ascensore

Ascensore dotato di pulsantiera in Braille

Ascensore dotato di annuncio vocale del piano

Museo dotato di uscite di sicurezza utilizzabili dai disabili motori

Impianti visivi o acustici per la comunicazione di informazioni in situazioni di pericolo

Servizi del museo

LEGGI INFO

No

Servizi igienici dedicati per le persone con disabilità

Audioguide o supporti alla visita appositamente pensati per persone con disabilità

Legenda

  • si
  • no
  • in parte
  • non specificato
  • leggi info

Musei della stessa provincia

Musei simili

Il castello di Vogogna, costruito in posizione elevata rispetto al borgo, con la sua torre semicircolare domina tutt...
Leggi di più...
Le prime informazioni sul Castello di Miradolo risalgono al XVII secolo. La famiglia proprietaria era quella dei Mas...
Leggi di più...
Il Civico Museo Archeologico di Acqui Terme, ospitato nel medievale Castello dei Paleologi, espone una ricca serie d...
Leggi di più...
Nell’esposizione del Museo civico e archeologico confluiscono sia le collezioni storiche del Museo (collezione natur...
Leggi di più...

Nei dintorni