FONDAZIONE COSSO - CASTELLO DI MIRADOLO

Descrizione

Le prime informazioni sul Castello di Miradolo risalgono al XVII secolo. La famiglia proprietaria era quella dei Massel di Caresana: fu il marchese Maurizio intorno al 1790 a rendere l’antico rustico una dimora nobiliare e fu la sua famiglia a curarne l’ampliamento e lo sviluppo, con particolare attenzione per l’ampio parco. A sua moglie, Maria Elisabetta della Marmora, detta Babet, si deve l’intervento di gusto gotico sul complesso architettonico e il disegno romantico del giardino, definito tra il 1823 e il 1830. All’unione di questa casata con i Conti Cacherano di Bricherasio, nel 1866, risale l’inserimento sulla facciata degli stemmi nobiliari e nuove decorazioni in stile neogotico. Nel 1950, l’ultima erede della famiglia, la contessa Sofia, lascia la proprietà a un ordine religioso che, trasformandola in una casa di riposo, ne compromette pesantemente l’impianto originario. Alla fine del Novecento il Castello viene messo in vendita e lasciato per lungo tempo in stato di abbandono. Acquistato da un gruppo di privati, oggi è sede della Fondazione Cosso che, tra le sue attività culturali e di valorizzazione del territorio, vi organizza mostre temporanee, concerti, attività didattiche e formative. Il Parco che lo circonda ha un’estensione di oltre 6 ettari ed è riconosciuto tra i giardini storici della Regione Piemonte. Vi si trovano oltre 1.700 alberi di diversa dimensione e pregio, appartenenti a oltre 70 specie botaniche. Dal 2007 il giardino è oggetto di un grande intervento di restauro, che dal 2017 viene raccontato con il progetto “Invito al Parco”. Di particolare interesse anche la Citroniera neogotica, dove le piante di ficus repens che incorniciano le arcate ricreano la magica atmosfera ottocentesca. 

Il recupero del Castello e del Parco, iniziato nel 2007, prevederà nel prossimo futuro il restauro della manica rustica, ancora non accessibile al pubblico.

Gli Abbonati hanno diritto all’ingresso gratuito alle mostre. Per la visita al Parco, comprensiva di audioguida stagionale, è previsto il pagamento di una tariffa ridotta.

In abbonamento

Vota il museo

FONDAZIONE COSSO - CASTELLO DI MIRADOLO
FONDAZIONE COSSO - CASTELLO DI MIRADOLO
  • Attualmente 3.5 su 5 Stelle.
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
Votazione: 3.5/5 (11 somma dei voti)

Grazie per il tuo voto!

Hai già votato per questa pagina, puoi votarla solo una volta!

Il tuo voto è cambiato, grazie mille!

Condividi   

Musei della stessa provincia

Torna a tutte le Province

Info

Stato
Aperto
Indirizzo
Via Cardonata, 2
Comune
SAN SECONDO DI PINEROLO
Provincia
TO
Telefono
0121 502761 ( Biglietteria), 0121 376545 (Uffici Fondazione Cosso)

Orario

Orario

Aperto su prenotazione anche oltre il normale orario di apertura

* Per aperture e chiusure straordinarie e durante le festività contattare il museo.

Tariffe

Ingresso intero

Mostra: € 10,00

Parco: € 10,00 (visita comprensiva di audioracconto stagionale)

Mostra e Parco: € 15,00 (la visita al Parco è comprensiva di audioracconto stagionale)

Per gli Abbonati: ingresso gratuito alle mostre temporanee. Ingresso ridotto a € 8,00 per la visita del Parco, comprensiva di audioracconto stagionale

Ingresso ridotto

Mostra: € 8,00

Parco: € 8,00 (visita comprensiva comprensiva di audioracconto stagionale)

Ingresso gratuito

Fino a 6 anni, giornalisti accreditati, disabili, Passaporto Culturale

Solo Mostra per Abbonati: ingresso gratuito

Accessibilità
Sito accessibile
Si
Tariffa

Gratuito

Mezzi pubblici

Parcheggio

Ingresso

Percorso museale

Ascensore

Si

Uscita di sicurezza

Si

Servizi museo

possibilità di concordare attività e laboratori dedicati a utenti con differenti disabilità

Servizi igenici

Si

Servizi
Bookshop
Si
Punti di ristoro
Caffetteria
Disponibilità audioguide
Si
Audioguide a pagamento
Si
Visite
Disponibilità visite di gruppo
Si
Prenotazione visite di gruppo
Si
Telefono per visite di gruppo

0121 502761

Disponibilità visite orari fissi
Si
Visite orari fissi prenotazione
Consigliata (partecipanti min 5 - max 20)
Visite orari fissi telefono

0121 502761

Visite orari fissi orario

A seconda dell’evento in corso. Consultare il sito.

Servizi disponibili per famiglie e bambini

Accessibilità fisica

Accessibilità interna
Accessibilità esterna

Aree dedicate

Area relax/allattamento
Area dedicata ad attività per bambini

Materiale dedicato

Materiale per la visita dedicato ai bambini

Orari e biglietti

Accesso libero con Passaporto Culturale

Attività speciali

Attività per bambini 0-6 anni

Percorsi dedicati

Percorsi dedicati

Servizi per la visita

Parcheggio passeggino
Fasciatoio
Scaldabiberon / Scaldavivande
Seggiolone / Riduttore sedia
Tappetini

Requisiti del museo a misura di famiglia e bambini

Accessibilità fisica

Aree dedicate

Materiale dedicato

Orari e biglietti

Attività speciali

Percorsi dedicati

Servizi per la visita

Musei simili

L’organizzazione di palazzo Taffini d’Acceglio di Savigliano segue il modello aristocratico piemontese del XVII seco...
Leggi di più...
La Casa del Conte Verde è un importante esempio di architettura piemontese del Quattrocento, l'edificio ospita diver...
Leggi di più...
Il complesso settecentesco, sito storico tra i più importanti d’Italia, comprende il castello, la tomba (monumento n...
Leggi di più...
Il palazzo Falletti di Barolo è una dimora patrizia di Torino. È sede dell'Opera Barolo che, secondo il testamento d...
Leggi di più...

Nei dintorni