PINACOTECA DELL'ACCADEMIA ALBERTINA DI BELLE ARTI

Descrizione

Collocata nel 1837 negli spazi dell'Accademia Albertina di Belle Arti, la Pinacoteca fu costituita con finalità dichiaratamente didattiche, come attestano i due importanti nuclei che fin dalle origini la compongono: la quadreria dell'Arcivescovo Mossi di Morano, ricca di oltre duecento dipinti, e la collezione di sessanta cartoni cinquecenteschi di Gaudenzio Ferrari e della sua Scuola, donata da Carlo Alberto. L'uno e l'altro nucleo dovevano infatti, per esplicita volontà dei donatori, farsi parte integrante dell'educazione artistica degli allievi.

Le prime cinque sale sono dedicate ai dipinti donati da Monsignor Mossi di Morano, con artisti del Quattro-Cinquecento di scuola fiorentina - Filippo Lippi - e piemontese - Martino Spanzotti e Defendente Ferrari, del Cinque-Seicento di scuola ligure, di pittori caravaggeschi - Bartolomeo Cavarozzi e Mattia Preti, fiamminghi ed italiani del Seicento, paesaggisti del Sei-Settecento.

L'ambiente successivo segna una sorta di cerniera tra la collezione Mossi di Morano e gli ambienti dedicati alla storia dell'Accademia: accoglie le copie di dipinti celeberrimi - di Caravaggio, Guido Reni, Rubens - che formano una sorta di Olimpo dei Maestri ritenuti eccelsi dalla cultura classicista ed Accademica.

La seconda parte del percorso espositivo è dedicata alle opere di maestri e allievi dell'Accademia del Settecento, dell’Ottocento e del primo Novecento, fra cui spicca il nucleo di dipinti di Giacomo Grosso. Seguono i Cartoni Gaudenziani, una delle più importanti collezioni al mondo di disegni del Cinquecento.

A completare l’offerta, importanti mostre temporanee ed eventi vengono regolarmente organizzati nelle sale della Pinacoteca.

In abbonamento

Vota il museo

PINACOTECA DELL'ACCADEMIA ALBERTINA DI BELLE ARTI
PINACOTECA DELL'ACCADEMIA ALBERTINA DI BELLE ARTI
  • Attualmente 4.5 su 5 Stelle.
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
Votazione: 4.3/5 (7 somma dei voti)

Grazie per il tuo voto!

Hai già votato per questa pagina, puoi votarla solo una volta!

Il tuo voto è cambiato, grazie mille!

Condividi   

Musei della stessa provincia

Torna a tutte le Province

Info

Stato
Aperto
Indirizzo
Via Accademia Albertina, 8
Comune
TORINO
Provincia
TO
Telefono
011 0897370

Orario

Orario

lunedì-domenica: 10.00-18.00
ultimo ingresso: 17.30
mercoledì: chiuso

* Per aperture e chiusure straordinarie e durante le festività contattare il museo.

Tariffe

Ingresso intero

€ 7,00

Ingresso ridotto

€ 5,00

Bambini e ragazzi dai 6 ai 18 anni, studenti universitari fino ai 26 anni, possessori biglietto Museo Borgogna di Vercelli, possessori biglietto Fondazione Accorsi – Ometto | Museo di Arti Decorative, possessori tessera: AIACE, FAI, Touring Club, Slow Food, Torino Cronaca Qui, possessori OpenSourceCard by OfficineBrand, possessori carte Plus e Smart del Circolo dei Lettori, gruppi minimo 15 persone

Ingresso Ridotto Scuole: € 3,00

Gruppi o comitive di studenti delle scuole primarie e secondarie di primo e secondo grado accompagnati dai loro insegnanti.

Ingresso gratuito

Bambini fino ai 5 anni, studenti dell’Accademia Albertina di Belle Arti di Torino, insegnanti, persone con disabilità e accompagnatore, giornalisti accreditati, guide turistiche abilitate, dipendenti MIBAC, forze dell’ordine e militari, possessori tessere ICOM o AICA, possessori tessera Abbonamento Musei Torino Piemonte, possessori Torino+Piemonte Card, possessori biglietto Musei Reali Torino (valido due giorni), neonati con Passaporto Culturale + 2 accompagnatori

Accessibilità
Sito accessibile
Si
Tariffa

gratuito per persone con disabilità e accompagnatore

Mezzi pubblici

È possibile raggiungere il museo con i mezzi pubblici.

Parcheggio

Il cortile interno, adibito a parcheggio dell’Accademia, comprende un posto auto a norma per persone con disabilità, sito a circa 3 m dall’ingresso. Si consiglia di telefonare per verificarne la disponibilità.

Ingresso

L’ingresso principale è accessibile al disabile motorio tramite apposita piattaforma elevabile su richiesta tramite citofono al personale di sorveglianza.

Percorso museale

Il percorso si sviluppa tutto al secondo piano e non presenta ostacoli per la mobilità. Esiste un percorso di visita apposito per ipovedenti con schede tattili di alcuni capolavori e le didascalie scritte in Braille.

Ascensore

L’ascensore è provvisto di numerazione in rilievo ed in braille sui pulsanti di comando.

Uscita di sicurezza

Le uscite di sicurezza non sono accessibili al disabile motorio, in quanto per conformazione strutturale presentano dei gradini davanti alle porte.

Servizi museo

Biglietteria accessibile.

Servizi igenici

si

Servizi
Bookshop
Si
Disponibilità audioguide
No
Audioguide a pagamento
No
Visite
Disponibilità visite di gruppo
Si
Prenotazione visite di gruppo
Si
Telefono per visite di gruppo

obbligatoria

011 19560449 (attivo dal lunedì alla domenica dalle 9 alle 18).

Per richiedere una visita guidata o un laboratorio didattico:

Gruppi: tour@coopculture.it

Scuole: edu@coopculture.it

Per prenotare solo gli ingressi (senza visita guidata):

prenotazioni@coopculture.it

Disponibilità visite orari fissi
in occasione di alcune mostre temporanee.
Visite orari fissi prenotazione
NO
Eventi

Servizi disponibili per famiglie e bambini

Accessibilità fisica

Accessibilità interna
Accessibilità esterna

Aree dedicate

Area relax/allattamento

Materiale dedicato

Materiale per la visita dedicato ai bambini

Orari e biglietti

Accesso libero con Passaporto Culturale

Attività speciali

Attività per bambini 0-6 anni

Servizi per la visita

Parcheggio passeggino
Fasciatoio
Tappetini

Requisiti del museo a misura di famiglia e bambini

Accessibilità fisica

Aree dedicate

Materiale dedicato

Orari e biglietti

Attività speciali

Servizi per la visita

Fotogallery

Musei simili

Il Museo all’aperto di Maglione (TO) nato come Associazione senza scopo di lucro. Inizia la sua operatività nel 1985...
Leggi di più...
Il MIAAO - Museo Internazionale di Arte Applicata Oggi rappresenta l'unico museo italiano dedicato alle arti applica...
Leggi di più...
Il Divisionismo è nato nell’ultimo decennio dell’Ottocento dalle istanze innovative della tecnica pittorica introdot...
Leggi di più...

Nei dintorni