SACRESTIA APERTA

Le informazioni sono in costante aggiornamento, per maggiori dettagli contattare il museo

Descrizione

Negli ambienti interni della Cattedrale romanica dedicata a Sant’Evasio si sviluppa il percorso della Sacrestia aperta e il Percorso archeologico dei sottotetti dove sono esposti molti preziosi reliquiari, ori, manufatti tessili di particolare pregio e significative opere di arte sacra. Fra i tessuti è da ricordare la pianeta appartenuta a Pio V (XVI secolo).

Dal deambulatorio che ospita sulle pareti parti della pavimentazione a mosaico dell’antica chiesa databili alla metà del XII secolo e sculture del XII-XVI secolo, si passa alle sacrestie in cui si conservano fra le altre opere dipinti di Gaudenzio Ferrari, Giorgio Alberini, Pietro Francesco Guala.

La visita termina nella Cappella settecentesca di Sant’Evasio che porta all’interno dell’aula ecclesiastica in cui è ospitato un maestoso crocifisso in legno e argento del XII secolo.

Durante la salita si può ammirare la struttura medioevale liberata dagli spessi intonaci ottocenteschi in cui spiccano le aperture della monofora del lato sud e l'accesso alla loggia absidale esterna. Una volta raggiunto l'accesso ai sottotetti mediante una passarella metallica, sospesa sull'estradosso delle volte, si percorre tutta la porzione sud dell'edificio che svela dapprima il coronamento ad archetti pensili della navata centrale e poi, in successione, le strutture antiche della navata minore del transetto dove risplende la bifora liberata dal serramento ottocentesco.

Proprio dove il percorso sembrerà concludersi, il visitatore potrà immergersi nelle membra dell'architettura medioevale per raggiungere gli elementi decorativi più nascosti per poi ritrovarsi, dopo una discesa quasi verticale nello spessore di muro, i matronei dell'atrio. Qui si potranno ammirare da vicino tutti i particolari degli elementi scultorei del XX secolo e la maestosità della grande volta ad archi incrociati.

Durante la Notte Bianca e in occasione di manifestazioni cittadine il museo effettua visite serali.

In abbonamento
Eventi

Vota il museo

SACRESTIA APERTA
SACRESTIA APERTA
  • Attualmente 3 su 5 Stelle.
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
Votazione: 2.8/5 (4 somma dei voti)

Grazie per il tuo voto!

Hai già votato per questa pagina, puoi votarla solo una volta!

Il tuo voto è cambiato, grazie mille!

Info

Indirizzo
Via Liutprando
Comune
CASALE MONFERRATO
Provincia
AL
Telefono
0142 452219 | 335 5346648

Orario

Orario

Settembre-luglio:
venerdì-sabato: 9.00-12.00; 15.00-18.00
domenica: 15.00-18.00

* Per aperture e chiusure straordinarie e durante le festività contattare il museo.

Accessibilità

Museo accessibile a persone con disabilità

Tariffa d’ingresso dedicata ai disabili

Museo raggiungibile con mezzi pubblici

Presenza di fermate accessibili dei mezzi pubblici nei pressi del museo

Presenza degli stalli per il parcheggio delle persone con disabilità

Museo accessibile al disabile motorio

Presenza di un ingresso alternativo per i disabili

Ingresso per i disabili dotato di campanello

Museo dotato di ascensore

Ascensore dotato di pulsantiera in Braille

Ascensore dotato di annuncio vocale del piano

Museo dotato di uscite di sicurezza utilizzabili dai disabili motori

Impianti visivi o acustici per la comunicazione di informazioni in situazioni di pericolo

Servizi igienici dedicati per le persone con disabilità

Audioguide o supporti alla visita appositamente pensati per persone con disabilità

Legenda

  • si
  • no
  • in parte
  • non specificato
  • leggi info

Musei della stessa provincia

Musei simili

Il Museo dell'Abbazia di Borgo San Dalmazzo inaugurato nel 2005, ha sede nel Palazzo abbaziale (XV secolo), attiguo...
Leggi di più...
Il Museo Diocesano di Torino, dedicato all’arte sacra, ha sede nella chiesa inferiore della cattedrale di San Giovan...
Leggi di più...
Il barocco Palazzo Mazzetti, sede del Museo e della Pinacoteca Civica di Asti, è situato sulla Contrada Maestra, ogg...
Leggi di più...
Il Museo d'Arte Preistorica presenta l'evoluzione del popolamento umano dal Paleolitico Inferiore fino alle soglie d...
Leggi di più...

Nei dintorni