Andar per mostre | Circolo dei lettori

Highlights 30/06/2020

Nel mese di luglio, il Circolo dei lettori propone un percorso d’arte in quattro appuntamenti: Andar per mostre, ogni mercoledì, vede protagonisti conservatori, curatori e direttori, che ci accompagnano in un viaggio per riabituarci alla bellezza, a partire da alcune delle mostre più importanti in programma a Torino.

Mercoledì 1° luglio ore 18, iniziamo incontrando il conservatore Simone Baiocco che ci introduce all’esposizione Andrea Mantegna. Rivivere l’antico, costruire il moderno, a Palazzo Madama fino al 20 luglio 2020. Andrea Mantegna (Isola di Carturo 1431 – Mantova 1506) è uno dei più importanti artisti del Rinascimento italiano, in grado di coniugare nelle proprie opere la passione per l’antichità classica, ardite sperimentazioni prospettiche e uno straordinario realismo nella resa della figura umana. La rassegna presenta il percorso artistico del grande pittore, dai prodigiosi esordi giovanili al riconosciuto ruolo di artista di corte dei Gonzaga, articolato in sei sezioni che evidenziano momenti particolari della sua carriera e significativi aspetti dei suoi interessi e della sua personalità artistica, illustrando al tempo stesso alcuni temi meno indagati come il rapporto con l’architettura e con i letterati. ( maggiori info)

Si prosegue mercoledì 8 luglio ore 18 con Sfida al Barocco. Roma Torino Parigi 1680-1750 (alla Venaria Reale fino al 20 settembre 2020), un intenso percorso artistico verso la modernità. Oltre 200 capolavori provenienti dai più prestigiosi musei e collezioni di tutto il mondo ci permettono di ammirare le favole antiche nei teatrali quadri di storia, i racconti sacri nelle pale d’altare, la seduzione e la grazia nelle sculture e nei dipinti, la progettualità degli spettacolari modelli di architettura e la raffinatezza preziosa di arredi e ornamenti, tutto frutto della sperimentazione di nuove forme e linguaggi elaborati tra il 1680 e il 1750 fra Roma, Parigi e Torino. Ce la illustra Michela di Macco, cocuratrice insieme a Giuseppe Dardanello. ( maggiori info)

Il direttore di CAMERA – Centro Italiano per la Fotografia Walter Guadagnini presenta  Memoria e Passione. Da Capa a Ghirri. Capolavori dalla Collezione Bertero (fino al 30 agosto), una mostra che racconta il nostro passato e le radici del nostro presente, così come l’evoluzione della fotografia italiana e internazionale dagli Anni Trenta fino alla fine del XX secolo. Oltre a essere un omaggio alla splendida storia di un collezionista, Guido Bertero, che, a partire dalla fine degli Anni Novanta, ha raccolto più di duemila stampe con una passione unica, la mostra presenta oltre trecento fotografie realizzate da circa cinquanta autori tra i quali alcuni dei protagonisti della storia della fotografia italiana e mondiale della seconda metà del Novecento. L’appuntamento è in programma mercoledì 15 luglio ore 18. ( maggiori info)

Il percorso termina mercoledì 22 luglio ore 18 con un incontro su due mostre ora alla GAM – Galleria di Arte Moderna:  Forma/Informe. La fase non-oggettiva nella fotografia Italiana 1935-1958 e  Helmut Newton. Works. La seconda raccoglie 68 fotografie presentando una panoramica, la più ampia possibile, della lunga carriera del grande fotografo che sin dagli inizi non ha mai smesso di stupire e far scalpore per i suoi concetti visivi veramente unici. L’obiettivo di Newton aveva la capacità di scandagliare la realtà che, dietro il gesto elegante delle immagini, permetteva di intravedere l’esistenza di una realtà ulteriore, che sta allo spettatore interpretare. Forma/Informe. La fase non-oggettiva nella fotografia Italiana 1935-1958, frutto di una originale indagine sulla fotografia sperimentale italiana dalla metà degli anni trenta alla fine degli anni cinquanta del Novecento, è un “viaggio al termine della forma” che parte dalle indagini sul luminismo fotografico di Giuseppe Cavalli e dalla sperimentazione di Luigi Veronesi, per poi considerare la fase più compiuta dell’immagine non oggettiva con il grafismo ottico di Franco Grignani, le cosmografie cromatiche di Pasquale De Antonis, la pioneristica ricerca sul materico di Piergiorgio Branzi, fino a esaminare una serie di “scomposizioni” di Paolo Monti e di Nino Migliori. Ne parla Antonella Russo, curatrice di Forma/Informe. I saluti iniziali sono affidati a Riccardo Passoni, direttore della GAM. ( maggiori info)

Per gli Abbonati le mostre elencate sono tutte comprese nella tessera.

I posti sono limitati, è obbligatoria la prenotazione al numero 011 8904401 o tramite mail a  info@circololettori.it.

Condividi   

Ultime news

17 luglio ore 18.00Appuntamento Reale: una visita speciale percorrendo l’appartamento di madama Felicita e le Cucine...
Leggi di più...
È possibile prenotare contattando il numero verde 800 329329 attivo dal lunedì al sabato dalle 9.00 alle 18.00 oppur...
Leggi di più...
Il biellese, con i suoi verdissimi boschi, offre molti spunti per escursioni e camminate di varia difficoltà. Per es...
Leggi di più...
Protagonisti della tavola biellese sono i formaggi (inseriti tra i P.A.T. - Prodotto Agroalimentare Tradizionale). L...
Leggi di più...